logo VolLei logo Argentario logo Trentino Energie
Settore Giovanile

La finale di serie C comincia con un ko al PalaVarone

Non è cominciata con il piede giusto la serie di finale della serie C per le nostre ragazze. Opposte al C9 Arco Riva sul campo delle gardesane, sabato sera Polezzi e compagne stavolta hanno faticato molto a imporre il proprio gioco e hanno così finito per incassare la seconda sconfitta stagionale, con il punteggio di 3-1 (28-26, 23-25, 25-19, 25-20). Era dalla prima di campionato, ovvero dal lontano 20 febbraio, che le ragazze di Carmen Pimentel non uscivano sconfitte dal campo.
L’Argentario Epilrose può anche mangiarsi le mani per alcuni consistenti vantaggi gettati alle ortiche, come il 20-14 della prima frazione e l’11-7 della terza, ma complessivamente le gardesane si sono dimostrate comunque più ordinate, nettamente superiori in difesa e molto più pazienti nel giocare gli scambi lunghi. Ora c’è una settimana di tempo per riordinare le idee e studiare le contromisure da adottare sabato prossimo a Cognola, quando Cusma e compagne dovranno vincere per 3-0 o 3-1 per guadagnarsi il golden set.

Al PalaVarone Pimentel schiera Polezzi in regia, Modena opposta, Colombini e Cusma in banda, Sfreddo e Buratti al centro, Pierobon libero, mentre Angelo Crema risponde con Righi in regia, Vivaldi opposta, Fontanari e Celva in banda, Asia Calza e Miori al centro, Gasperini libero.
A partire meglio sono le gardesane, che si portano sul 6-2 beneficiando di due invasioni, ma poi il motore delle argentelle comincia a girare a dovere e l’Epilrose va avanti 7-10. Un ace di Polezzi fa 7-12, un fallo della regista di casa un incoraggiante 8-15 per le ospiti. La frazione è nelle mani delle nostre ragazze, che soffrono i servizi del C9 (12-15) e pagano un fallo di Polezzi (14-16), ma poi volano sul 14-20 grazie a due muri al centro di Serena Sfreddo. Fino al 17-22 il pallino è nelle mani dell’Argentario, che vede il traguardo parziale. A invertire brutalmente la corrente è una difesa del libero gardesano Gasperini, che finisce nel campo delle argentelle: è il punto del 18-22, che poi diventa un incredibile 22-22 con un errore di Colombini, un ace su Ori e un mancato primo tempo. Sul 23-24 l’Epilrose ha la palla del set, ma un pallonetto di Celva la annulla. Un ace della stessa Celva fa 25-24 per il C9, un fallo al palleggio delle gardesane vale il 25-25, poi Colombini regala alla compagne la seconda palla set (25-26), annullata con una bella fast. A quel punto una ricostruzione di Fontanari e uno smash su una ricezione lunga di Pierobon valgono il beffardo 28-26.
Nella seconda frazione, sulle ali dell’entusiasmo, il C9 si porta avanti per 6-2, sfruttando il buon lavoro di muro e difesa, poi, aiutato dalle battute di Sfreddo, l’Argentario riesce ad impattare sul 6-6. Le gardesane vanno ancora avanti (11-9), ma anche stavolta le argentelle reagiscono portandosi a +2 (13-15) grazie ad un bell’attacco di Modena. Il C9 esercita maggiore pressione in battuta e gioca di più al centro, le ospiti fanno valere la propria fisicità e fino al 23-23 è difficile capire chi la spunterà. A decidere la contesa sono due spunti di Zoe Ori, in campo a posto di Colombini dall’inizio della frazione, che prima mura Vivaldi e poi va a segno in attacco (23-25).
Si va così al cambio di campo in parità. Dopo un iniziale equilibrio (5-5) un muro e uno smash di Leonor Polezzi mandano avanti l’Epilrose 6-8, che diventa un confortante 7-11 grazie a Cusma e a un ace della scatenata Polezzi, poi però sale un cattedra il muro del C9, a segno due volte, e la contesa torna in parità (11-11). Fino al 16-16 le squadre rimangono a braccetto, poi però l’equilibrio si spezza a causa dell’impasse del cambio palla dell’Argentaruo, che subisce per l’ennesima volta le battute di Giorgia Celva: un errore, un attacco di Fontanari, uno smash e una fast del C9 fanno 20-16, un divario che poi si allarga ancora, grazie a due muri su Sofia Cusma e ad un ace su Ori. L’ultimo punto è un mezzo ace di Righi.
Si va così al quarto set, che rimane in equilibrio fino a metà. La buona partenza del C9 viene annullata sul 12-12, poi due buoni servizi di Maggipinto aiutano l’Argentario a portarsi avanti (12-14), ma purtroppo da lì in poi le padrone di casa ricominciano a mettere in grossa difficoltà il cambio palla dell’Epilrose, che resiste fino al 17-18, ma poi con due errori consecutivi di Ori e un attacco di Fontanari perde contatto con l’avversario (17-21). Il 24-19 è un ace su Pierobon, il 25-19 un primo tempo.

Il tabellino dell’Argentario: Polezzi 4 (2m+2b), Colombini 5 (5a), Buratti 5 (4m+1b), Modena 15 (13a+1m+1b), Cusma 13 (11a+1m+1b), Sfreddo 12 (7a+3m+2b), Pierobon (L) 0, Ori 7 (4a+2m+1b), Maggipinto 1 (1b). All. Pimentel

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,423 sec.